! - Verifica del sito Tradedoubler 1264796 -> Sito web dell'editore! Come funziona - Agenzia delle Entrate - Plasturgica

Come funziona - Agenzia delle Entrate - Plasturgica

Vai ai contenuti

Come funziona - Agenzia delle Entrate

Mission
La connessione alle Agenzie delle Entrate,
obbligatorio per tutti i distributori di prodotti e servizi richiesti dall' utente
I nostri macchinari sono distributori di prodotti e servizi richiesti dall' utente

Questo è il principio per il quale tutte le RVM ( Reverse Vending Machine ),
chiamate anche "mangiabottiglie" o ecocompattatori" o "ecoraccoglitori"
devono essere connesse all' Agenzie delle Entrate dal 1 gennaio 2018



Nelle “specifiche tecniche della nuova norme di attuazione riguardante la registrazione dei corrispettivi dalle vendite dalle vending machine, ALL’ART. 2, COMMA 2, DEL D.LGS. N. 127/15”, viene espressa la qualifica e definizione di :
Gestore: soggetto passivo IVA gestore delle Vending machine
ARD: dipendente (o incaricato) del Gestore, addetto al rifornimento del distributore ed al prelievo dell’incasso
Vending machine (V.M.): macchinario che eroga prodotti e servizi su richiesta dell'utente, previo pagamento mediante uno o più periferiche di pagamento.

La Vending machine è composta da:
a)    Periferica di pagamento: sistema elettronico funzionale a riconoscere la validità di un credito da utilizzare per il pagamento del bene o del servizio da erogare
b)    Sistema master (anche solo Master o S.M.): un sistema elettronico costituito, generalmente ma non esclusivamente, da una o più schede elettroniche dotate di processore con memoria, capace di memorizzare e processare dati al fine di erogare il bene o il servizio selezionato dall’utente finale
c)    Erogatore di beni e/o servizi: insieme dei meccanismi (meccanici, elettromeccanici o elettronici) che consentono l’erogazione dei beni o dei servizi selezionati dall’utente finale
d) - Transponder: strumento dotato di connettività col quale l’operatore acquisisce i dati dal Sistema master ed in grado di trasferirli al Dispositivo mobile
e) - Porta di comunicazione: qualunque tipo di porta, attiva o attivabile attraverso update, adattamenti e/o comandi software, che consenta di trasferire digitalmente i dati ad un dispositivo atto a trasmettere gli stessi al sistema dell’Agenzia delle Entrate
f) - Chiavetta: strumento wireless di prossimità che consente all’utente di caricare un credito in denaro da spendere in consumazioni erogate dalle V.M.
g) - Torre di ricarica: apparecchio utilizzato per la ricarica delle Chiavette e altri titoli prepagati
h) - Sistema AE: sistema informativo (IT) dell’Agenzia delle entrate
i) - Dispositivo mobile (Device o D.M.): dispositivo, dotato di connettività, in grado di leggere, acquisire e trasmettere, in uno specifico formato, i dati contenuti nei Sistemi master delle V.M. o, comunque, in grado di generare un file XML, di apporgli un sigillo elettronico e di trasmetterlo al Sistema AE
l) - Certificato fabbricante: certificato rilasciato dall’Agenzia entrate per la firma della richiesta del Certificato dispositivo
m) - Certificato dispositivo: certificato rilasciato dall’Agenzia delle entrate per l’apposizione del sigillo elettronico sul file dei dati dei corrispettivi, contenente l’identificativo univoco del Dispositivo mobile
o) - Sigillo elettronico: dati in forma elettronica, acclusi oppure connessi tramite associazione logica ad altri dati in forma elettronica per garantire l’origine e l’integrità di questi ultimi
p) - Identificativo dispositivo (I.D.): chiave univoca, identificativa del dispositivo (Sistema master o Dispositivo mobile).,

E' così che l’articolo 2, comma 2, del Decreto Legislativo 5 agosto 2015, n. 127 (di seguito, solo decreto), così come modificato dall’articolo 4, comma 6, lettera a), del D.L. 22 ottobre 2016, n. 193, convertito con modificazioni nella Legge 1 dicembre 2016, n. 225, ha introdotto l’obbligo, per i soggetti che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi tramite distributori automatici, della memorizzazione elettronica e della trasmissione telematica all’Agenzia delle entrate dei dati dei corrispettivi giornalieri.
Il predetto articolo 2 stabilisce, inoltre, nel comma 3, che la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica saranno effettuate mediante strumenti tecnologici che garantiscano l’inalterabilità e la sicurezza dei dati.

In pratica,
un apparecchio reverse vending machine, rientra nella definizione tecnica «generale» di «distributore automatico», in quanto :
- eroga servizi ( talune volte solo pubblicitari, altri di magazzino, o promozionali commerciali ) anche a mezzo di stampa ( o invio telematico ) di ricevute valide per il ritiro di beni/servizi,
- viene utilizzata come periferica di pagamento, con l’ erogazione di ricevute di pagamento ( pagato e/o non pagato e/o gratuità ) per un prodotto/servizio fornito dal Gestore, come ad esempio, servizi/prodotti digitali ( come avviene, ad esempio, per i pedaggi autostradali o ritiro certificato di “vuoto a rendere” o “reso imballo” secondo il Decreto Legge 142 del 3/7/2017, “pagamento parcheggi e soste” con apporto di valore in bene materiale, ricariche telefoniche, ricariche auto elettriche, altro , ecc ) rilasciando solo l’attestazione/quantificazione di servizi da eseguirsi in altro luogo o modo o tempo
- ha un sistema master S.M. proprio della casa costruttrice
- viene dotata di periferica di pagamento del prodotto inserito con accredito su carte di debito o IBANo punti o credito di fidelizzazione, o cashback o sistemi di deconto già prepagati

Di fatti,
-       Il gestore, generalmente è il proprietario delle macchine che eroga il servizio a fronte di contratti pubblicitari per conto del venditore, cioè PLASTURGICA
-       L’ ARD è un dipendente o un consulente/prestazione occasionale o appaltato ( imprese di pulizia e di servizi ) per conto del Gestore, solo per la manutenzione e sanificazione delle macchine
-       il venditore del prodotto o servizio, in generale, erogano servizi economici ( coupon, buoni sconto, ricevute ) connessi alla promozione e vendita di prodotti NON immediatamente disponibili sulla stessa location né sulla stessa macchina ma solo ai fini di comunicazione e pubblicitari in forma potenziale ma non certa, con date di scadenza ( generalmente 3 mesi ) di invito all’ utente per eseguire acquisti presso la propria attività

Cosa c' entra la rilevazione dei dati dei corrispettivi con le "mangiabottiglie" ?
Ormai è risaputo che le "mangiabottiglie" sono strumenti di comunicazione e pubblicitarioutilizzate da diverse marche industriali e/o attività locali più  meno grandi ( GDO, GDS, associazioni di commercianti , ecc ) che colgono l' occasione del "touch" cliente nel momento della conoscenza di quando questo ha finito e terminato il prodotto post-consumo, rilevando il barcode del packaging nelle nostre macchine.

Ma ciò, in pratica, fà evidenziare ancora di più come l' utente preferisca l' uso delle nostre mangiabotiglie anzichè i servizi di "porta a porta" organizzatedalle aziende dedite ai servizi ambientali comunali, o intercomunali, comunque per l' ordine pubblico. Cioè è l' utente che chiede il servizio di "pagamento" della bottiglia vuota, con un couponig, seppur ben sà che il servizio pubblico è già pagato dalla tassa sui rifiuti e lo stesso Comune NON darebbe mai una riduzione della tassa ( seppur legittimo chiederlo ) del valore del coupon ricevuto,

Di fatti, per ottenerlo, l' utente deve tenere conto degl' aspetti amministrativi per il quale l' utente dovrebbe incombere, quali :
- richiesta in carta bollata
- protocollo
- trattativa "privata" con l' ufficio tributi
- dimostrazione dell' "avvio a impianto di riciclo privato"
- dimostrazione della legittimità dell' imballo avuto "in mano"
- dimostrazione delle quantità dell' uso delle macchine RVM

In buona sostanza, la norma NON prevede che:
-       vi debba essere in via principale ed esclusivo lo scambio finanziario, per via logica espressa in € , anziché con beni mobili o altri in forma digitale di valore economico incerto o nullo ( ad es. punti fedeltà )
-       dal lato pratico di debbano essere svolte 2 operazioni distinte in sequenza precisa, quali:
a) Immissione valore ( finanziario o non )
b) Ricezione prodotto/servizio acquisito debba essere eseguito sulla stessa geolocalizzazione

Quindi, cosa c' entra la rilevazione dei dati dei corrispettivi?
E' il valore della bottiglia ( dimostrato dal valore del coupon ) che il couponer hà dato all' utente.
Cioè, è il corrispettivo che il COUPONER "paga" e quindi può mettere in detrazione fiscale, quando l ' utente esercitare il suo diritto

Inoltre, il sistema software e la trasmissione dati, prevede la possibbilità di certificare :
- la quantità dell' emissione dei coupon
- la qualità dell' emissione dei coupon ( normalmente sono di valore diverso l' uno dall' altro )
- il ritorno del cliente
- la validità del coupon con numero matricola univoco ( evitando il "fishing", cioè la falsificazione )
- il "vuoto a rendere" riguardante le promo commerciali
- i nostri ( di PLASTURGICA ) dalle vendite "online"

Altre informazioni connesse all' Agenzie delle Entrate
(1) il censimento della macchina
questo vuol dire che le nostre macchine hanno un numero di matricola (con apposizione della targetta con il QR-Code rilasciato dalla agenzia delle Entrate ) che identificherà univocamente quella "macchina regolare" , registrare nel momento instantaneo dell' emissione le coordinate di geolocalizzazione dell' utente e del couponing relativo

(2) dotarsi di un software per la lettura dei corrispettivi
in sostanza, tutte le nostre macchine hanno a bordo un PC con memoria dati sia offline sia online, che effettuano la registrazione dei dati al fine di certificare i movimenti.
I software in uso, possono essere integrati anche con delle API, anche su APP sia su Android sia su IOS privati, utilizzati anche come fidelity card o connessi alle Vending Machine per la ricarica del credito ad ogni inserimento, al fine della conoscenza dei dati in tempo reale di ogni parte legittimata, in cloud .

(3) fare la lettura dei dati periodica
La reverse vending machine ha a disposizione un PC con dei contatori che forniscono il dato relativo al valore dell’ incasso da parte di PLASTURGICA ( uguale a costo del servizio a favore del couponer ), così che quel dato all’ interno dell’applicazione certificata ed inviarlo all’ Agenzia delle Entrate.
L’ invio di questi dati è obbligatorio, ivi compreso la geolocalizzazione al momento del prelievo delle entrate dell' incass dei servizi ( per la tracciabilità del sistemi finanziario )

Nel caso di distributori di servizi senza porta di comunicazione ( come quella di alcuni dei nostri competitor ) PLASTURGICA ha previsto anche un integrazione e un' applicazione "ad hoc" al fine che tanti "piccoli riciclatori autonomo" possono installare in proprio e così "mettersi in regola" in 3 ore e un modico costo, che potrà essere facilmente ammortizzando collaborando con PLASTURGICA e può essere detratto con l' iperammortamento al 250%

Il 1 Gennaio 2018 è sempre più vicino e il tempo per mettersi in regola stringe.
Se hai dubbi o vuoi capire meglio come funziona la certificazione dei corrispettivi per i distributori automatici senza porta di comunicazione contattaci, avrai gratuitamente il supporto di uno dei nostri consulenti.

Per maggiori informazioni, ti consigliamo di visionare questi documenti allegati ( clicca qui ) e il sito delle Agenzie delle Entrate



I nostri macchinari offrono ed erogano servizi e prodotti su richiesta dell' utente e il nostro software connesso con il nostro PLC ( centralina elettronica ) ha la funzione di MASTER connesse con l' A.E., come da specifiche tecniche di cui all' art. 2 comma 2 del D.Lgs 127/15.

il software PLASTCASH di PLASTURGICA in versione 1.8, ha :

- certificato fabbricante
- certificato dispositivo
- sigillo elettronico
- identificativo dispositivo



Il software UPCYCLEBOX 1.6.2 è criptato e NON visibile:
- i dati inseriti sono quelli accordati con PLASTURGICA
- è programmato in sede di PLASTURGIA in funzione dell' accordo contrattuale stipulato
- è programmabile per quantità movimenti
- è programmabile per funzionamento temporaneo ( periodo contrattuale )

Ovvio, che in caso di scadenza contrattuale ( abbonamento o consumo ), smette di funzionare, ed è ripristinabile solo ed esclusivamente da PLASTURGICA, anche online

In pratica, UPCYCLEBOX 1.6.2, a differenza dei precedenti versioni, garantisce il funzionamento del couponing cartaceo anche in OFFLINE.

La differenza del funzionamento OFFLINE e ONLINE è notevole per chi interessa la raccolta qualitativa "dando valore ai clienti"
OFFLINEONLINE
Gestione dei dati codici barre bottiglie, solo nel database inserito nel PCGestione dei dati codici a barre bottiglie on line, con dati aggiornati in tempo reale
Gestione dei codici riconoscimento utente, solo nel database inserito nel PCGestione dei dati riconoscimento utente on line con dati aggiornati in tempo reale
XGestione delle email automatiche al couponer ad ogni inserimento bottiglia
X
Gestione delle email automatiche all' utente registrato ad ogni inserimento bottiglia
X
Gestione delle email automatiche all' addetto dei trasporti in tempo reale
X
Gestione delle email automatiche all' addetto alla manutenzione macchine in tempo reale
X
Aggiornamento quantità materiale raccolta in tempo reale
X
Gestione controllo dalle pubbliche amministrazioni per richiesta riduzione tassa sui rifiuti
X
Controllo dei relè
X
Controllo della stampante
Controllo errori di funzionamento manuale, a richiestaControllo errori di funzionamento in tempo reale
Aggiornamento dati nei database manuale a richiesta
Aggiornamento dati nei database in tempo reale
 
sito aggiornato al 18.04.2019
PLASTURGICA HOLDING LTD
3 Gower Street
WC1E 6HA
London
United Kingdom
Ufficio di rappresentanza a Lugano ( Svizzera ) e Milano ( Italia )
info@plasturgica.com
Torna ai contenuti